lunedì 27 gennaio 2020

Il Green New Deal europeo e l'agricoltura

Si svolge oggi a Bruxelles il primo Agrifish Council del 2020, la riunione dei ministri competenti sui temi dell'agricoltura e della pesca. Presiede la ministra dell'agricoltura della Croazia Marija Vučković e sono presenti il vice presidente della Commissione Europea con delega al Green New Deal Frans Timmermans, il commissario all'agricoltura Janusz Wojciechowski (Polonia) e il commissario alla salute e alla sicurezza alimentare Stella Kyriakides (Cipro). Per l'Italia c'è la ministra Teresa Bellanova.
All'ordine del giorno la proroga delle misure transitorie della politica agricola comune (CAP/PAC), ma soprattutto le implicazioni del Green New Deal nel settore agricolo e zootecnico, ambito centrale nella politiche di sostenibilità e di riduzione delle emissioni di gas serra. Il Green New Deal prevede che nel periodo 2021-2027 il 40 per cento dei fondi PAC e il 30 per cento dei fondi per la pesca siano destinati all'azione climatica.
Un elemento centrale della nuova politica agricola sarà la strategia Farm to Fork per l'alimentazione sostenibile, che sarà presentata in primavera. La strategia punta a un sistema alimentare europeo più equo, sano e sostenibile attraverso la limitazione dell'uso di pesticidi, fertilizzanti e antibiotici e la riduzione dell'impatto ambientale della filiera alimentare e della distribuzione. L'attuazione di questa strategia avverrà tramite i piani nazionali PAC, che saranno sottoposti a severa valutazione del rispetto dei nuovi criteri ambientali e dovranno puntare su pratiche sostenibili come il biologico e l'agro-ecologia.
Con un budget di 365 miliardi di Euro la PAC è la prima voce di spesa del bilancio europeo. Le implicazioni delle nuove direttive del Green New Deal riguardano quindi quasi 150 miliardi.

sabato 25 gennaio 2020

Song of the Day


I decenni passano, ma Pet Shop Boys continuano in un percorso lineare di pop elettronico molto british e molto raffinato. Il nuovo album appena pubblicato si intitola Hotspot ed è l'ultimo di una trilogia che comprende Electric (2013) e Super (2016).
I due ragazzi del negozio di animali sono cresciuti: Neil Tennant oggi ha 65 anni, Chris Lowe 60. La loro complicità artistica resta però inalterata in uno dei sodalizi più longevi della scena musicale. Il primo singolo da Hotspot è questa Monkey Business che rimanda alle atmosfere dance di Introspective, il loro terzo album del 1988. Il video, diretto da Vaughan Arnell, è molto elaborato e divertente.
Per sapere come Pet Shop Boys se la passano oggi raccomando una bella intervista di Alexis Petridis sul Guardian. Quando il giornalista gli chiede cosa pensa di questa infornata di nuovi menestrelli post-Ed Sheeran, Neil Tennant risponde: "Penso che la chitarra acustica dovrebbe essere vietata". 

Il Manifesto di Assisi

Ci voleva l'ostinazione di Ermete Realacci, da sempre attento a costruire relazioni virtuose, per mettere attorno a un tavolo il presidente del consiglio, il presidente dei vescovi e il presidente degli industriali. È successo ieri ad Assisi per la presentazione del Manifesto per un'economia a misura d'uomo contro la crisi climatica. Il Manifesto lo potete leggere qui sotto, anche ingrandendolo con un click, oppure scaricarlo qui.
Il Manifesato di Assisi, sottoscritto da molti soggetti autorevoli, è un documento di princìpi e non di azioni. L'obiettivo e la condivisione della consapevolezza del problema della crisi climatica, le iniziative politiche ed economiche per farvi fronte dovranno essere predisposte e attuate dai firmatari. Con "responsabilità condivise ma differenziate", aggiungerei io, utilizzando un termine che le Nazioni Unite hanno inserito nel testo dell'Accordo di Parigi sul clima.
Le sfide della transizione ecologica sono complesse: produzione e consumo, agricoltura e zootecnia, trasporti, edilizia, ciclo dei rifiuti, nuove tecnologie. Ma anche coesione sociale, integrazione, mutualismo, civiltà. Il futuro dell'Italia e del pianeta è nelle nostre mani.


venerdì 24 gennaio 2020

Song of the Day


Brian Eno ha annunciato l'uscita di un nuovo album realizzato con il fratello Roger. Il lavoro si intitola Mixing Colours e sarà pubblicato il 20 marzo dalla prestigiosa Deutsche Grammophon su CD e doppio vinile, già ordinabile qui. Sono 18 composizioni, ognuna nel titolo fa riferimento a un colore. L'anticipazione è questa Celeste, disponibile da oggi. Il brano, seppure sempre nella sfera ambient, è meno rarefatto di altri lavori di Eno.

Quante signore maestre

Percentuale di insegnanti di sesso femminile nelle scuole elementari.

giovedì 23 gennaio 2020

Energie rinnovabili: l'Europa è ancora indietro

L'Unione Europea aveva fissato al 20 per cento entro il 2020 l'obiettivo minimo di produzione di energia rinnovabile. I dati Eurostat diffusi oggi, riferiti al 2018, dicono che molte nazioni sono ancora indietro è che la media europea è al 18 per cento.
Il target del 20 per cento è un valore medio tra gli obiettivi dei singoli stati, molto diversi tra loro: si va dal 49 per cento della Svezia al 10% di Malta. L'Italia, che aveva come obiettivo il 17%, nel 2018 è al 17.8, quindi oltre il minimo previsto (anche se in ribasso rispetto al 18.3 del 2017).
Il grafico sotto chiarisce le ambizioni dei singoli paesi: le barrette grigie rappresentano l'obiettivo nazionale prefissato, raggiunto finora solo da 12 nazioni su 28. I più lontani dal target sono Olanda e Francia, ancora sotto di oltre sei punti percentuali (grafico sopra).


mercoledì 22 gennaio 2020

Grecia, le isole dell'Egeo scoppiano di migranti

La rotta dalle coste turche alle vicine isole greche del mare Egeo è diventata la più trafficata del Mediterraneo. Oggi a Lesbos, Samos e Chios, le isole meta principale dei migranti, gli abitanti sono scesi in piazza chiedendo la distribuzione dei richiedenti asilo. Nel campo di Moria a Lesbos sono ospitati in condizioni catastrofiche più di 19mila richiedenti asilo, a fronte di una capienza di 2.840. Il 40 per cento dei rifugiati ha meno di 12 anni. Nel campo profughi di Samos, progettato per 700 persone, ci sono 7200 rifugiati. La popolazione di Samos è di 6500 abitanti.
Sotto la grande bandiera greca esposta oggi sulla facciata del teatro di Mytilene, il capoluogo di Lesbos, campeggiano le scritte "Vogliamo indietro le nostre isole, vogliamo indietro le nostre vite".
Secondo i dati di Frontex nel 2019 i migranti entrati in Europa dalle rotte asiatiche sono stati 82mila, in netta crescita rispetto ai 56mila del 2018. A Lesbos, Chios, Samos, Kos e Leros sono ospitate attualmente circa 42mila persone, per la grande parte afghani, iracheni e siriani. La chiusura delle frontiere europee dal 2016 li obbliga a restare in Grecia e il governo di Atene preferisce non trasferirli in terraferma. La Francia ha appena accettato di farsi carico di 400 migranti.
Nelle isole greche gli sbarchi si susseguono ogni giorno. Le coste turche distano solo pochi chilometri e la Turchia ospita circa 3.6 milioni di profughi siriani.


lunedì 20 gennaio 2020

Presidenziali USA, ecco la scelta del New York Times

Ieri il New York Times ha pubblicato l'endorsement della sua redazione per le presidenziali USA, come fa ogni quattro anni. La novità è che questa volta i candidati - anzi, le candidate - sono due: Elizabeth Warren e Amy Klobuchar.

Mai come questa volta i candidati democratici alla Casa Bianca hanno programmi elettorali simili. Quindi - scrive il NYT - si tratta non di analizzare quello che vogliono, ma come intendono realizzarlo.
La scelta di Warren, scrive la redazione, deriva dalla sua capacità di esprimersi con chiarezza e di rappresentare al meglio l'anima più progressista dell'America. Il giornale analizza con attenzione anche la candidatura di Bernie Sanders, che viene scartata per l'età e le precarie condizioni di salute, ma soprattutto perché Sanders è un candidato troppo divisivo.
Se Elizabeth Warren è, con Sanders e Biden, una dei tre candidati leader, la scelta di Amy Klobuchar stupisce. La senatrice del Minnesota viaggia nei sondaggi tra il 3 e il 4 per cento, ma il NYT ricorda che anche John Kerry nel 2004 aveva queste percentuali, salvo poi vincere la nomination (poi perse 286 a 251 contro George W. Bush). Di Klobuchar il NYT apprezza l'empatia, l'approccio ecologista, l'attenzione ai giovani e la proposta di portare il salario minimo a 15 dollari l'ora. Secondo il giornale Klobuchar è la più affidabile tra i candidati democratici moderati.
Il Times ricorda come Donald Trump sia una minaccia per la democrazia, ma sottolinea anche come la sua visione sia condivisa da larga parte dell'elettorato americano. "Qualunque speranza di restituire unità all'America richiede modestia, la capacità di scendere a compromessi e il sostegno di tutti gli elementi che costituiscono la coalizione democratica: giovani e anziani, neri, ispanici e bianchi."
"Che vinca la migliore" conclude il New York Times.

domenica 19 gennaio 2020

Plastica vietata, scende in campo anche la Cina

Oggi il ministero cinese dell'ecologia e dell'ambiente ha annunciato una serie di misure per eliminare progressivamente la plastica monouso. Si inizia con i sacchetti per lo shopping, che saranno vietati nelle metropoli entro la fine di quest'anno e in tutte le città entro il 2022. Deroga fino al 2025 solo per la vendita di alimenti nei mercati. Anche le cannucce saranno vietate entro il 2020, così come i contenitori alimentari in polistirolo.
I detergenti per uso domestico che contengono microplastiche non potranno più essere prodotti dalla fine del 2020 e commercializzati dalla fine del 2022. Bloccata anche la produzione e la vendita di buste di plastica di spessore inferiore a 0.025 mm. Entro il 2025 i servizi postali dovranno rinunciare a spedizioni effettuate con contenitori e nastri adesivi in plastica, misura importante vista l'esplosione dell'e-commerce cinese.
Entro il 2025 dovrà entrare in vigore un sistema di gestione integrata per la produzione, la circolazione, il consumo e il riciclo di tutti gli oggetti di plastica. La Cina ha anche confermato a tempo indeterminato il blocco totale all'importazione di rifiuti di plastica.